sostenibilità

GS1 Italy al servizio della sostenibilità. Il caso Fater

Ecologistico₂ simula l’impatto climatico della logistica e aiuta le imprese a individuare le azioni che possono migliorarlo. Fater l’ha fatto nella saturazione dei mezzi

Il tema della sostenibilità, in questi giorni, è diventato dominante e sempre più presente nella nostra quotidianità, ma per ECR Italia, attiva all’interno di GS1 Italy, rappresenta uno dei punti forti della propria agenda già dal 2017 con la nascita di Ecologistico2 il web tool con cui ogni azienda può calcolare l'impatto ambientale del suo network logistico e individuare le soluzioni e le tecnologie più adatte per migliorare la sostenibilità ambientale della supply chain. E scoprire come la logistica può giocare un ruolo strategico nella riduzione dell’impatto climatico.

Ecologistico2, con Tendenze online, vi racconta in occasione dei Friday for future una serie di casi virtuosi, esempi concreti di come le aziende hanno saputo ridurre le proprie emissioni. Ogni caso è descritto nelle sue caratteristiche peculiari e sottoposto ad una rigorosa attività di misurazione.

La saturazione dei mezzi e l’ottimizzazione del packaging

Un fattore molto rilevante per l’efficienza del trasporto è la saturazione degli automezzi, per riuscire a colmare la loro capacità di carico: impatta direttamente sui costi, perché un automezzo “insaturo” genera un costo per unità di peso trasportato maggiore sia che si tratti di insaturazione in peso (peso netto inferiore al carico utile) che di insaturazione in volume (volume utile non sfruttato appieno). Per i consumi – e quindi le emissioni – il driver principale è il peso: a parità di tara, un automezzo più saturo consumerà di più in valore assoluto. A livello “unitario” (cioè per tonnellata chilometro) vale esattamente il contrario: l’efficienza sulla merce trasportata risulterà superiore, potendo quindi addebitare minori emissioni alla singola tonnellata di merce. Tuttavia anche la saturazione in volume è molto rilevante: specie per chi trasporta prodotti leggeri, è cruciale ottimizzare il volume per trasportare un maggior numero di pezzi/unità logistiche e diminuire il numero di viaggi a parità di quantità.

Fater: il progetto "Plus" per la truck fill optimization

La divisione Supply Paper Italia, che rappresenta l’80% dei volumi annui, consegna a diversi clienti tramite automezzi “gran volume” (da 89 m3 netti di capacità) alla luce del basso rapporto peso/volume dei prodotti. Pur essendo arrivati a saturare il 99% degli spazi a terra, l’efficienza volumetrica del 61% ha indotto Fater a promuovere il progetto “Plus”, che mira all’incremento della saturazione attraverso la sovrapposizione degli articoli basso rotanti a quelli alto rotanti. Sulla base dei sistemi informativi, dei dati e dei modelli distributivi disponibili, è stato creato un algoritmo proprietario che, nel rispetto di regole di sovrapposizione ottimali e basandosi sulle informazioni “logistiche” (pesi, altezze, sovrapponibilità, ecc.) va a comporre i pallet e gli strati presenti nell’ordine cliente.
L’attuazione è stata graduale nel tempo, con risultati importanti su tutti i flussi distributivi:

  • Consegne a depositi per consegne “domiciliari”, con efficienza volumetrica passata dal 70% all’83%.
  • Consegne al canale GDO, con efficienza volumetrica arrivata al 61,2% rispetto al 58,5 % iniziale.
  • Consegne a clienti minori, con efficienza volumetrica passata da 64,9% a 69,2%.

Nel complesso il progetto Plus ha permesso una riduzione delle emissioni su base mensile di circa 50,0 ton di CO2e, pari al 7% sul totale emissioni legate al trasporto, insieme con la mancata emissione di 2,94 kg/mese di particolato (PMx).

Vuoi rendere più green la tua logistica?

Vieni a scoprire come ridurre l’impronta climatica aziendale con Ecologistico2 al workshop gratuito che si terrà il 23 maggio 2019 a Milano. Ci saranno anche le testimonianze di BauliCoopEridania e Number1.

iscriviti_new.png

 

 

L’appuntamento è inserito anche calendario del Festival dello sviluppo sostenibile 2019.