gs1

L’informazione al centro

l'opinione di

Marco Cuppini

Oggi i dati sono la nuova materia prima delle aziende, anche grazie alle tecnologie digitali. Il data management per migliorare l’efficienza, ridurre i costi, aumentare il livello di servizio al consumatore mettendo a disposizione delle imprese strumenti e soluzioni conformi agli standard internazionali è tra gli obiettivi core di GS1 Italy.

In questo ambito, le iniziative più recenti sono costituite dai progetti Allineo e Immagino. Allineo è lo strumento per la sincronizzazione e l’allineamento delle informazioni anagrafiche dei prodotti tra partner commerciali, basato sullo standard GS1 GDSN®(noto come catalogo elettronico). Nel corso del 2017 l’attività prenderà sempre più piede per le catene Coop e Conad insieme ai loro principali partner industriali.

Immagino è il servizio web di GS1 Italy per la digitalizzazione delle immagini e delle informazioni dei prodotti da scambiare agevolmente tra industria e distribuzione, per un pronto utilizzo su siti di e-commerce, volantini, documentazione commerciale, programmi di space allocation.

Il successo di Immagino, riconosciuto come fonte informativa attendibile e certificata e adottato da oltre 1.000 aziende industriali e 25 distributive, sia fisiche che digitali, si collega con il crescente interesse del consumatore riguardo all’informazione sugli alimenti (dalla scadenza, agli ingredienti, alle origini degli ingredienti, alle modalità di preparazione) ricercata in maniera consapevole soprattutto all’interno del punto vendita e ritenuta tanto più importante quanto maggiore è l’attenzione riposta su specifici prodotti, come quelli soggetti potenzialmente a contraffazione (olio, formaggio) o per i quali la filiera della materia prima è importante (carne, pesce, pasta ripiena, succhi di frutta) o la destinazione d’uso è particolarmente sensibile (prodotti salutistici, per bambini).

L’etichetta è il primo posto «fisico» per entrare in contatto con il consumatore, educarlo e soddisfare la sua esigenza di informazioni complete e trasparenti

Lo rileva la ricerca commissionata da GS1 Italy a Gfk, secondo la quale l’etichetta è il primo posto «fisico» per entrare in contatto con il consumatore, educarlo e soddisfare la sua esigenza di informazioni complete e trasparenti. Non solo, alla corretta informazione alimentare viene riconosciuto un valore concreto poiché aiuta a comprare bene e anche a risparmiare. I consumatori sono alla ricerca di punti di riferimento e i punti di vendita e le marche dispongono di strumenti informativi assolutamente centrali per costruire una relazione di valore con loro: “informare bene” è oggi una delle mission costitutive per le imprese.

“Informare bene” è oggi una delle mission costitutive per le imprese

Manca ancora, tuttavia, una misurazione reale del rapporto tra informazione ricercata e risultati di mercato. Per colmare questo vuoto, grazie ai 70 mila prodotti ad oggi digitalizzati, nasce l’Osservatorio Nielsen-Immagino GS1 Italy, che, attraverso l’integrazione tra le oltre 100 variabili registrate da Immagino sulle etichette dei prodotti (ingredienti, tabelle nutrizionali, loghi e certificazioni, claim e indicazioni di consumo) da un lato e i dati Nielsen di venduto (retail panel), consumo (consumer panel) e di fruizione media dall’altro, apre la strada a un modo nuovo di guardare i fenomeni di consumi nel nostro paese.

Ad oggi sono stati analizzati circa 55.000 prodotti sia di marca che di marca del distributore, pari al 70,5% del totale del giro d’affari sviluppato da ipermercati, supermercati.

Si tratta di un patrimonio informativo unico per condividere, secondo l’approccio precompetitivo tipico di GS1 Italy, informazioni di scenario utili ad aziende, terze parti, istituzioni e consumatori.

Utilizzando il codice a barre per identificare i prodotti e attraverso l’incrocio delle informazioni di etichetta con i dati Nielsen, l’Osservatorio consente di misurare fenomeni di consumo emergenti e identificare i segmenti di popolazione che li determinano. Si scopre così, per esempio, che nei prodotti confezionati nell’ultimo anno (anno mobile luglio 2016) si è usato l’1,9% in meno di zuccheri, lo 0,8% in meno di grassi e il 4,4% in più di fibre. Che si consuma meno zucchero nelle famiglie con reddito più elevato e senza figli. E che quello di canna ha vissuto nel corso del 2016 una vera stagione felice, con un incremento a volume del 47,7% in un mercato che complessivamente flette del 2%. Ma anche come ingrediente registra una crescita dell’11,2%. E si potrebbe proseguire con i prodotti free from e quelli arricchiti, con l’universo veg e il biologico, l’intolleranza alimentare o l’italianità dei prodotti. L’Osservatorio monitora non solo il mondo alimentare, ma anche l’universo del cura persona, analizzando alcune caratteristiche come il biologico, il cruelty free, l’uso della bandiera italiana, la certificazione eco cert.

L’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy è solo all’inizio (la prima edizione è prevista a maggio 2017), ma già il percorso della sua evoluzione è tracciato. Grazie alla collaborazione delle imprese del largo consumo e al continuo e progressivo miglioramento del suo livello di copertura, sarà possibile tenere sotto costante controllo la dinamica dei comportamenti del consumatore ed identificare nuovi rilevanti trend di consumo che sappiamo cambiano velocemente nel tempo.